L’Inghilterra elimina green pass e mascherine

Il Regno Unito abolisce il green pass e le norme che regolamentano l’uso obbligatorio delle mascherine: ad annunciarlo è stato il premier Boris Johnson intervenendo alla Camera dei Comuni. Le restrizioni scadranno il 26 gennaio, dal giorno successivo entreranno in vigore le seguenti modifiche: decade l’uso della certificazione verde (anche se le organizzazioni potranno usarlo volontariamente; era in vigore dal 20 dicembre limitatamente a determinati luoghi o eventi affollati); decadono gli obblighi a indossare la mascherina laddove era obbligatoria come le scuole, mentre operatori del trasporto o negozi potranno continuare a richiederla; stop alle raccomandazioni per le aziende a fare lavorare i dipendenti in remoto; via anche le restrizioni relative alle visite in ospedali e case di cura. Rimane l’obbligo di quarantena per i positivi al Sars-Cov2. Boris Johnson non prevederebbe di rinnovare nessuna restrizione (inclusa la quarantena per i positivi) oltre la scadenza attuale già fissata al 24 marzo 2022.

Il premier ha affermato che le decisioni sono state prese in accordo con i consulenti scientifici del governo, i quali ritengono che la variante Omicron «abbia già raggiunto il picco a livello nazionale», e ha rivendicato le politiche meno restrittive rispetto ai Paesi europei adottate nel Regno Unito, affermando che «i dati mostrano che più e più volte questo governo ha preso le decisioni più difficili nel modo giusto».

Condividi questo contenuto...

Lascia un commento