La crisi del Coronavirus come punto di svolta

DI LINH DINH

unz.com

Durante il mio primo anno di college, avevo un insegnante di inglese, Stanley Ward, che diceva: “Tutto quello che scrivo riguarda il sesso o la morte”, il che faceva ridere noi idioti, perché suonava come uno scherzo, ma se si considera come tutto rientra nel continuum tra la generazione della vita e la sua negazione, allora naturalmente il signor Ward aveva ragione.
Tutto riguarda il sesso o la morte; quindi, per esempio, un abbraccio, un sorriso, una stretta di mano, una conversazione o semplicemente socializzare è ovviamente sesso, mentre una separazione, un cattivo odore, una malattia, un isolamento o l’assenza di informazioni è chiaramente la morte.
Anche se questo scontro Yin-Yang tra sesso e morte è costante, un partner può rimanere al vertice per un tempo incommensurabilmente lungo, il che può portare a concludere che la vita è fondamentalmente una festa, con una favolosa diffusione di cibo, o è più o meno un campo di concentramento, o addirittura un inferno.
Dove pensate che siamo adesso? Direi che siamo orientati verso la morte da decenni, con i rapporti più naturali sempre più fuori portata. Prima ancora di ricevere l’ordine di rifugiarci, ci siamo già esercitati in isolamento, evitando come la peste quasi tutti uno sguardo negli occhi o un ascolto attento. Anche prima di questa campagna di allontanamento sociale, eravamo già antisociali, ben versati nell’allontanamento.
Niente è tollerabile se non è filtrato attraverso un mezzo. Seduti insieme in un bar che ti distrugge l’udito, le coppie che escono insieme si mandano messaggi. Guardando uno schermo al buio, marito e moglie non dicono nulla per un’ora o due. A tavola, ognuno ascolta la propria musica mentre manda messaggi in modo maniacale. Ehi, perché fare sesso in preda all’ansia quando si può solo chiacchierare?
Va tutto bene. Su Forbes, Bernard Marr prevede allegramente nove promettenti risultati della crisi del coronavirus: “Più interfacce e interazioni senza contatto”, “Infrastruttura digitale rafforzata”, “Migliore monitoraggio con IoT e Big Data”, “Sviluppo di farmaci abilitati all’IA”, “Telemedicina”, “Più acquisti online”, “Maggiore fiducia nei robot”, “Più eventi digitali” e “Aumento delle esportazioni”.
Marr ha delicatamente tralasciato il modo in cui diventeremo tutti dei Casanova digitali, con i più dissoluti che vanteranno un harem di amanti al silicone. Il Papa dovrà costantemente ricordare ai fedeli di accontentarsi di una sola bambola gonfiabile, per favore, fino alla morte o al Secondo Avvento.
Non va tutto bene. Nel Wall Street Journal, Henry Kissinger si lamenta: “La pandemia ha provocato un anacronismo, una rinascita della città murata in un’epoca in cui la prosperità dipende dal commercio globale e dal movimento delle persone”. Nessun virus è illegale.
L’eminenza grigia dimentica di menzionare che la libera circolazione dei capitali, la produzione e l’esperienza hanno lasciato l’America con migliaia di fabbriche chiuse, strade principali morte e, ora, anche una carenza di mascherine facciali per aiutarla a scoraggiare il coronavirus. Anche Kissinger non ha nulla da dire sul nostro vivere come murati.
I confini tra i paesi sono terribili, ma i muri intorno ad ogni cittadino, o ai palestinesi sono più che kosher, quindi è meglio che ti abitui.
C’è speranza. La crisi del coronavirus ha messo a nudo i meriti relativi delle nazioni, così il mondo intero può vedere, per esempio, quanto gli Stati Uniti siano distrutti e corrotti, senza una leadership di cui parlare. Non è riuscita a prevenire morti inutili e poi ha fatto chiudere gran parte del paese, mandando in bancarotta migliaia di imprese e buttando fuori dal lavoro milioni di persone. Come soluzione, ha gettato briciole su cittadini disperati, mentre salvava le grandi banche, ancora una volta.
Qui in Corea del Sud il governo è stato deciso e organizzato, senza ricorrere a un blocco paralizzante. Così domenica scorsa il partito al potere ha ottenuto una vittoria schiacciante, con la più alta affluenza alle urne degli ultimi 28 anni. Poco più di un mese fa, però, 1,5 milioni di coreani hanno firmato una petizione per l’impeachment del presidente Moon Jae-In.
Le proteste sono comuni qui, e le rivolte scoppieranno, ma senza i saccheggi che si vedono spesso in America. Durante la rivolta di Gwangju del 1980, almeno 241 civili furono uccisi e migliaia di altri feriti. Dal lato del governo ne morirono 41, ma 14 soldati furono uccisi dal fuoco amico.
Qualunque sia la loro politica, i coreani non devono obiettare contro il fatto che il loro patrimonio unico, la loro storia, la loro identità e la loro terra ancestrale devono essere difesi ferocemente, anche fino alla morte. A differenza di gran parte dell’Occidente, il nazionalismo è ancora il fondamento delle società orientali. Il dovere più sacro della Corea, quindi, è il mantenimento della Corea, come Corea.
In Occidente, ai ragazzi viene insegnato che solo gli stronzi reazionari sono nazionalisti. Albert Einstein spiegava: “Il nazionalismo è una malattia infantile”. È il morbillo dell’umanità”. Eppure il genio era un convinto sostenitore del sionismo, di quel progetto di accaparramento delle terre, di genocidio e di guerra senza fine ancora in atto. Non c’è contraddizione: “Si può avere una mentalità internazionale, senza rinunciare all’interesse per i propri compagni tribali”.
Come è stato sottolineato più volte, molti ebrei di spicco hanno sostenuto un insieme di valori e di azioni completamente diverso per voi e per me, riservando l’agenda più razzista e bellicosa ai loro “compagni tribali”.
Il nazionalismo è l’istinto più naturale e inevitabile. La nazione deriva dal latino nascor, “nascere”. Non è sinonimo di Stato. Nativo deriva dal latino natus, “nascita”. Essere nazionalisti, quindi, significa amare, o almeno essere protettivi nei confronti della propria terra natale. Protestare contro questo richiede una malattia all’ultimo stadio o una profonda disonestà, che, purtroppo, molti mostrano con orgoglio.
“Arriva un tempo / Quando ascoltiamo un certo richiamo / Quando il mondo deve unirsi come una cosa sola”, cantava il molestatore di bambini germofobico, e poiché noi eravamo il mondo, eravamo i bambini, cantavamo ondeggiando, ed è fantastico. Non sto discutendo contro la preoccupazione per i popoli lontani. La canzone è stata scritta come un appello per le vittime della carestia africana.
Sto solo sottolineando che non c’è una statura morale nel dichiararsi cittadino globale, un concetto riconducibile a un barbone idiosincratico di 24 secoli fa.
Diogene diceva: “Sono un cittadino del mondo”. Nato a Sinope, è morto a Corinto, a 800 miglia di distanza, una”passeggiata” impegnativa a quel tempo, ma il filosofo non ha mai lasciato il mondo greco. Spesso chiedendo l’elemosina per il cibo e dormendo in un enorme botte al mercato, il tizio era fondamentalmente un Thoreau senza sua madre o qualche terra su cui accovacciarsi.
Parlando del Concordiano, ecco alcuni dei suoi sogni ad occhi aperti: “Sono rinfrescato e mi si allarga il cuore quando il treno merci mi passa davanti, e sento l’odore dei negozi che dispensano i loro odori da Long Wharf al lago Champlain, ricordandomi di paesi stranieri, di barriere coralline, e di oceani indiani, e di climi tropicali, e dell’estensione del globo. Mi sento più come un cittadino del mondo alla vista della foglia di palma che ricoprirà tante teste di lino del New England la prossima estate”.
Thoreau non ha mai lasciato gli Stati Uniti. La verità è che non ci sono cittadini del mondo. Nessuno! Se sei fuori dal tuo paese, sei un turista, un immigrato, un rifugiato o un occupante. Ognuno appartiene a una nazione, e nativo o immigrato, devi proteggerla, perché ti dà rifugio.
Di nuovo, sto parlando della gente e della terra, non dello Stato, soprattutto quello americano, perché non è solo del tutto non rappresentativo, ma un nemico sistematico dei suoi cittadini.
Un impero fa questo, le guerre contro le tribù, comprese le proprie, e il globalismo è la sua bibbia. Suona bene. Noi siamo il mondo.
Il globalismo non è altro che uno sforzo spietato per ricostruire la Torre di Babele, e come schiavi taglia-mattoni, dovremmo cementare mattone dopo mattone su questa mostruosità.
Sebbene predichino all’infinito la diversità, i globalisti cercano di offuscarla, sopprimerla e, in ultima analisi, eliminarla, in modo che obbediremo ai loro comandi in una sola lingua.
Sebbene predichino all’infinito la diversità, i globalisti cercano di offuscarla, sopprimerla e, in ultima analisi, eliminarla, in modo da obbedire ai loro comandi in una sola lingua.

La crisi del coronavirus è un punto di svolta in questa guerra crescente tra i globalisti e noi stupidi bifolchi. Mentre noi ci ingozziamo di fagioli al forno restando chiusi in casa, loro hanno un futuro ben delineato per riaccoglierci nella loro nuova cultura della morte apertamente nuda.
Sarà un mondo di sorveglianza onnipresente, di spionaggio universale, di movimento ristretto, di discorsi soffocati e di dogmatismo sempre più assurdo e forzato, con un lockdown da imporci in qualsiasi momento, dato che sappiamo già come fare.

Per evitare questo destino, dobbiamo affermare la nostra autonomia nazionale e resistere a ogni diktat. Questo richiederà molta chiarezza, compostezza e coraggio. Non dobbiamo preoccuparci di ciò che fanno i bifolchi stranieri, ma semplicemente legare con i bifolchi vicini, per difendere il nostro prezioso bifolco. Dobbiamo prima di tutto liberare il nostro territorio.

La caotica risposta americana alla crisi del coronavirus è in realtà di buon auspicio, perché dimostra che il loro nucleo malvagio si sta spezzando. La frammentazione è la nostra uscita.

Link: https://www.unz.com/ldinh/coronavirus-crisis-as-a-turning-point/

17.04.2020

Tradotto pro-bono da Arrigo de Angeli

Condividi questo contenuto...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *