Intelligence Usa: il Covid19 potrebbe essere un incidente.

Articolo tradotto integralmente dal Washington Post 14 aprile 2020 alle 12:00 GMT + 2

di Josh Rogin

 # I dispacci diplomatici del Dipartimento di Stato hanno avvertito di problemi di sicurezza nel laboratorio di Wuhan che studiava i coronavirus dei pipistrelli

Due anni prima che la nuova pandemia di coronavirus rovesciasse il mondo, i funzionari dell’ambasciata americana hanno visitato diverse volte una struttura di ricerca cinese nella città di Wuhan e hanno inviato a Washington due avvertimenti ufficiali sull’inadeguatezza del laboratorio in merito alla sicurezza. Il laboratorio stava conducendo studi rischiosi sui coronavirus derivati dai pipistrelli. I dispacci hanno alimentato le discussioni all’interno del governo degli Stati Uniti sul fatto che questo o un altro laboratorio di Wuhan fosse la fonte del virus, anche se non sono ancora emerse prove conclusive.

Nel gennaio 2018, l’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino ha fatto il passo insolito di inviare ripetutamente diplomatici e scienziati statunitensi al Wuhan Institute of Virology (WIV), che nel 2015 era diventato il primo laboratorio cinese a raggiungere il più alto livello di sicurezza internazionale nella bioresearch (noto come BSL-4). Il WIV rilasciò un comunicato stampa in inglese sull’ultima di queste visite, avvenuta il 27 marzo 2018. La delegazione americana era guidata da Jamison Fouss, console generale a Wuhan, e Rick Switzer, consigliere dell’ambasciata per l’ambiente, la scienza, la tecnologia e salute. La scorsa settimana, il WIV ha cancellato tale comunicato dal suo sito Web, sebbene rimanga archiviato su Internet.

Ciò che i funzionari statunitensi hanno appreso durante le loro visite li ha preoccupati così tanto che hanno spedito a Washington due cable diplomatici classificati come sensibili. I cable hanno messo in guardia sui punti deboli della sicurezza e gestione presso il laboratorio, richiedendo maggiore attenzione e aiuto. Il primo cable, che ho potuto verificare, avverte anche che il lavoro del laboratorio sui coronavirus di pipistrello e la loro potenziale trasmissione umana, potevano rappresentare un rischio per una nuova pandemia simile alla SARS.

“Durante le interazioni con gli scienziati del laboratorio WIV, abbiamo notato che il nuovo laboratorio aveva una grave carenza di tecnici e ricercatori adeguatamente formati ad operare in sicurezza in questo laboratorio ad alto contenimento”, afferma il cable del 19 gennaio 2018 che è stato redatto da due funzionari delle sezioni ambiente, scienza e salute dell’ambasciata, i quali si sono incontrati con gli scienziati del WIV (Il Dipartimento di Stato ha rifiutato di commentare questo e altri dettagli della vicenda).

I ricercatori cinesi della WIV stavano ricevendo assistenza dal Galveston National Laboratory della University of Texas Medical Branch e da altre organizzazioni statunitensi, ma i cinesi hanno richiesto ulteriore aiuto. I cable sostenevano che gli Stati Uniti avrebbero dovuto fornire ulteriore supporto al laboratorio di Wuhan, perché la ricerca che lì veniva svolta sui coronavirus dei pipistrelli era importante ma anche pericolosa.

Come indicato nel cable, i visitatori degli Stati Uniti incontrarono Shi Zhengli, il capo del progetto di ricerca, che ha pubblicato studi relativi ai coronavirus di pipistrello per molti anni. Nel novembre 2017, poco prima della visita dei funzionari statunitensi, il team di Shi aveva pubblicato ricerche che dimostrano che i pipistrelli dal naso a ferro di cavallo, raccolti in una grotta nella provincia dello Yunnan, erano molto probabilmente parte della stessa popolazione di pipistrelli che ha generato il coronavirus SARS nel 2003.

“Soprattutto”, afferma il cable, “i ricercatori hanno dimostrato che vari coronavirus simili alla SARS possono interagire con ACE2, il recettore umano identificato per il coronavirus. Questa scoperta suggerisce fortemente che i coronavirus simil SARS dei pipistrelli possono essere trasmessi all’uomo per causare malattie analoghe alla SARS. Dal punto di vista della salute pubblica, ciò rende la continua sorveglianza dei coronavirus SARS nei pipistrelli e lo studio dell’interfaccia animale-umana, fondamentale per la futura previsione e prevenzione di epidemie emergenti di coronavirus”.

La ricerca era stata progettata per prevenire una prossima pandemia simile alla SARS, anticipando in che modo potrebbe emergere. Ma già nel 2015, altri scienziati si erano chiesti se il team di Shi non stesse assumendo rischi inutili. Nell’ottobre 2014 il governo degli Stati Uniti impose una moratoria sul finanziamento di qualsiasi ricerca che rendesse un virus più mortale o contagioso, ricerche note come esperimenti di “guadagno di funzione”.

Come molti hanno sottolineato, non ci sono prove che il virus che oggi affligge il mondo sia stato progettato; gli scienziati concordano ampiamente sul fatto che provenga da animali. “Ma ciò non equivale a dire che non è venuto dal laboratorio di Whuan, il quale ha passato anni a testare i coronavirus di pipistrello sugli animali”, ha affermato Xiao Qiang, ricercatore della School of Information dell’Università della California a Berkeley.

“Il cable ci dice che ci sono state a lungo preoccupazioni sulla possibilità di una minaccia per la salute pubblica derivante dalla ricerca di questo laboratorio, se non fosse stata adeguatamente condotta e protetta”, ha dichiarato Qiang.

“Ci sono preoccupazioni simili riguardo al vicino laboratorio Wuhan Center for Disease Control and Prevention, che opera a livello di biosicurezza 2, un livello significativamente più basso rispetto allo standard di livello 4 rivendicato dal laboratorio Wuhan Insititute of Virology” ha aggiunto il ricercatore di Berkeley. Ma il governo cinese rifiuta di rispondere alle domande di base sull’origine del nuovo coronavirus e respinge qualsiasi tentativo di accertare se uno dei due laboratori sia coinvolto.

Fonti che hanno familiarità con i cable hanno affermato che le autorità locali avrebbero dovuto far scattare un allarme sulle gravi preoccupazioni per la sicurezza del laboratorio WIV, in particolare per quanto riguarda il lavoro con i coronavirus di pipistrello. I funzionari dell’ambasciata chiedevano maggiore attenzione da parte degli Stati Uniti per questo laboratorio e maggiore supporto per aiutarlo a risolvere i suoi problemi.

“Il cable è stato un avvertimento”, ha detto un funzionario americano. “Stavano implorando di prestare attenzione a ciò che stava accadendo”.

Il governo degli Stati Uniti tuttavia, in risposta a questi cable, non ha fornito alcuna assistenza extra ai due laboratori. I cable hanno ricominciato a circolare all’interno dell’amministrazione negli ultimi due mesi. Mentre i funzionari discutono ancora se il laboratorio possa essere l’origine della pandemia, ormai non possono che prendere atto dell’arrivo del virus negli Stati Uniti e del deterioramento delle relazioni con la Cina.

All’interno dell’amministrazione Trump, molti funzionari della sicurezza nazionale sospettano da tempo che il WIV o il laboratorio del Centro per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie di Wuhan siano stati la fonte del nuovo focolaio di coronavirus. Secondo il New York Times, la comunità dell’intelligence non ha fornito prove per confermarlo. Ma un alto funzionario dell’amministrazione mi ha detto che i cable forniscono un’ulteriore prova a supporto della possibilità che la pandemia sia il risultato di un incidente di laboratorio a Wuhan.

“L’idea che si sia trattato di un evento totalmente naturale è basata su indizi. Le prove che sono trapelate dal laboratorio sono allo stesso modo indizi. In questo momento però il dossier è pieno di appunti sulle responsabilità del laboratorio, mentre non abbiamo quasi nulla sull’altra ipotesi”, ha detto il funzionario.

Come ha notato il mio collega David Ignatius, la storia originale del governo cinese – ovvero che il virus sia arrivato da un mercato del pesce di Wuhan – è molto traballante. Una ricerca di esperti cinesi pubblicata su Lancet a gennaio ha mostrato che il primo paziente noto, identificato il 1° dicembre, non aveva alcun legame con il mercato, ed è stato responsabile solo di un terzo (o meno) dei casi nel primo grande gruppo di contagiati. Inoltre il mercato non vendeva pipistrelli.

Shi e altri ricercatori del WIV hanno categoricamente negato che questo laboratorio sia stata l’origine del nuovo coronavirus. Il 3 febbraio il suo team è stato il primo a segnalare pubblicamente che il virus noto come 2019-nCoV era un coronavirus derivato da pipistrelli.

Il governo cinese, nel frattempo, ha bloccato completamente le informazioni relative alle origini del virus. Pechino non ha ancora fornito agli esperti statunitensi campioni del nuovo coronavirus raccolti dai primi casi. Il laboratorio di Shanghai che ha pubblicato il nuovo genoma del coronavirus l’11 gennaio è stato rapidamente chiuso dalle autorità per “rettifica”. Diversi medici e giornalisti che hanno riferito in anticipo sulla diffusione sono scomparsi.

Il 14 febbraio, il presidente cinese Xi Jinping ha chiesto l’ accelerazione di una nuova legge sulla biosicurezza. Mercoledì scorso, la CNN ha riferito che il governo cinese ha posto severe restrizioni che richiedono l’approvazione prima che qualsiasi istituto di ricerca pubblichi qualcosa sull’origine del nuovo coronavirus.

Conoscere le origini del virus non è serve solo ad attribuire colpe. È fondamentale capire come è iniziata la nuova pandemia in modo da comprendere come prevenire la prossima. “Il governo cinese deve essere trasparente e rispondere alle domande sui laboratori di Wuhan perché sono vitali per la nostra comprensione scientifica del virus”, ha detto Xiao Qiang.

“Non sappiamo se il nuovo coronavirus abbia avuto origine nel laboratorio di Wuhan, ma il cable ha indicato il pericolo lì e questo deve aumentare lo slancio verso la verità”, ha proseguito.

“Non credo sia una teoria della cospirazione. Penso che sia una domanda legittima che deve essere investigata e alla quale è necessario trovare una risposta, perché capire esattamente come la pandemia abbia avuto origine è una conoscenza fondamentale per impedire che qualcosa del genere accada in futuro”.

Condividi questo contenuto...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *