“Exit unica via: separiamoci da quei robot insensibili alla fame della gente” ► Valerio Malvezzi

Qual è il paese numero uno al mondo per ‘conti in ordine’? Per, cioè, avanzo primario e bilancio dello Stato in utile? Non c’è trucco e non c’è inganno: l’Italia. La classifica l’ha pubblicata il Fiscal Monitor Database del Fondo Monetario Internazionale e comunicare la notizia ai nostri microfoni è stato l’economista Valerio Malvezzi.

Si tratta di un dato non di poco conto, secondo il Professore, poiché lascia spazio a tanti dubbi che portano a un’unica conclusione: lasciare l’Unione Europea.

È quanto comunica lo stesso Valerio Malvezzi in questa intervista andata in diretta durante ‘Un giorno speciale’. Sentite cosa ha detto a Francesco Vergovich e Fabio Duranti.

“Exit unica via: separiamoci da quei robot insensibili alla fame della gente” ► Valerio Malvezzi

“Secondo il Fiscal Monitor Database del Fondo Monetario Internazionale l’Italia è il paese numero uno al mondo in termini di avanzo primario medio nel periodo compreso tra il 1995 e il 2019. L’Italia cioè è prima per “conti in ordine”, per bilancio dello Stato in utile. Sono 25 anni che facciamo le purghe del bilancio, tagliando la spesa pubblica, distruggendo la sanità e aumentando le tasse sul sistema italiano.

Dopo quello che è successo in queste ultime settimane, l’exit mi sembra l’unica soluzione. Se salta il sistema industriale italiano va in crisi il sistema pubblico. Non hanno ancora capito che qui c’è un problema strategico, se continui a far indebitare dalle banche il sistema privato e se non intervieni sulla madre di tutte le questioni, che si chiama sovranità monetaria e indipendenza da quella gabbia di matti che ci detta le regole che si chiama Unione Europea, che sono dei robot insensibili alla fame della gente che piange davanti ai supermercati, noi fra un anno avremo delle aziende che non hanno più bancabilità, andranno in default.

Quando il sottostante industriale va in crisi lo Stato non regge più, non ha più valore, perché uno Stato si basa sull’economia reale, quella che io chiamo Economia Umanistica. Bisogna dare contributi a fondo perduto, far ripartire l’economia reale oppure non far pagare le tasse, ma per fare questo bisogna discutere la questione numero uno: non possiamo più essere una colonia europea, dobbiamo avere la sovranità monetaria.

Dove vanno i nostri soldi dell’avanzo primario? In interessi a un sistema speculativo bancario internazionale”.


ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

LEGGI ANCHE:

Condividi questo contenuto...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *