Il Virus “chimerico” creato in laboratorio a Whuan nel 2015

Lo studio completo dell’esperimento condotto a Whuan nel 2015 e documentato dal TGLeonardo

“Un cluster di coronavirus che interessano i pipistrelli, simile alla SARS, mostra un potenziale alto rischio per l’uomo”

Abstract

L’emergere di coronavirus responsabili della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV) e della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS)-CoV sottolinea la minaccia di eventi di trasmissione tra le specie che portano a epidemie negli esseri umani. Qui esaminiamo il potenziale di malattia di un virus simile alla SARS, SHC014-CoV, che è attualmente in circolazione nelle popolazioni cinesi di pipistrelli “dal naso a ferro di cavallo”. Utilizzando il sistema di genetica inversa SARS-CoV, abbiamo generato e caratterizzato un virus chimerico facendo esprimere la proteina spike del coronavirus dei pipistrelli SHC014 ad un SARS-CoV adattata al topo. I risultati indicano che i virus del gruppo 2b collegati al picco SHC014 e ospitati in una spina dorsale di tipo selvaggio, possono utilizzare in modo efficiente più ortologie dell’enzima di conversione dell’angiotensina umana del recettore della SARS II (ACE2), replicarsi in modo efficiente nelle cellule primarie delle vie aeree umane e ottenere in vitro attributi equivalenti ai ceppi epidemici di SARS-CoV. Inoltre, esperimenti in vivo dimostrano la replicazione del virus chimerico nel polmone del topo con notevole patogenesi. Le strategie immunoterapiche e profilattiche disponibili relative alla SARS hanno rivelato una scarsa efficacia; sia l’anticorpo monoclonale che l’approccio vaccinale non sono riusciti a neutralizzare e proteggere dall’infezione da CoV generata a partire dalla nuova proteina spike. Sulla base di questi risultati, abbiamo sinteticamente ri-derivato un virus ricombinante SHC014 infettivo a lunghezza intera e abbiamo dimostrato una robusta replicazione virale sia in vitro che in vivo. Il nostro lavoro suggerisce un potenziale rischio di nuova emergenza della SARS-CoV che potrebbe scaturire da virus attualmente in circolazione nelle popolazioni di pipistrelli.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26552008

Condividi questo contenuto...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *